Campionati Italiani Paralimpici: la Pro Sport ACSI Ravanusa 11^ alla finale scudetto

10 Ottobre 2020
Home - news territorio - Campionati Italiani Paralimpici: la Pro Sport ACSI Ravanusa 11^ alla finale scudetto

Si è conclusa un’edizione speciale dei Campionati Italiani Paralimpici di Società di Atletica leggera che si sono svolti al Centro di Preparazione Paralimpica di Roma, sede degli uffici federali e della Scuola di Para atletica.

Per la Pro Sport ACSI Ravanusa, società affiliata ACSI, un 11° posto nella classifica finale, un evento nonché un risultato storico e sorprendente alla sua prima finale nazionale, 30 le società qualificate per la disputa delle finale scudetto, 23 quelle partecipanti.

Nella classifica assoluta maschile l’Omero Bergamo cede lo scettro alla Sempione 82 che si laurea campione d’Italia 2020 con un punteggio di 25.204. Terzo posto per l’Anthropos Civitanova (19.267). Il sodalizio bergamasco mantiene però il tricolore nel settore femminile con 18.028 punti, davanti all’Anthropos Civitanova (12.814) e al club Handy Sport Ragusa (7637).
Il settore promozionale consacra l’Anthropos Civitanova con il punteggio di 50.276 tra gli uomini, mentre i bergamaschi (18.732) trionfano nuovamente tra le donne.

Quest’anno, come novità assoluta, saranno assegnati anche gli scudetti del Campionato giovanile di Società riguardanti gli atleti dei club nati dal 1998 al 2006. Le classifiche finali saranno ufficializzate nei prossimi giorni.

A livello individuale spiccano i tre record italiani di Alessandro Gualtieri (Atletica Grosseto Banca Tema) nel disco F46 (35,94), e dei compagni di squadra dell’Anthropos Civitanova Alessio Talocci nel disco F20 (31,10) e Fabrizio Vallone nei 5000 T20.
Dopo il primato assoluto dei 400 di ieri, Riccardo Bagaini (Sempione 82) registra il crono di 23.39 nei 200 T47, mentre in chiave femminile il bronzo mondiale T35 Oxana Corso (Fiamme Gialle), conquistata la migliore prestazione mondiale nel lungo nella prima giornata, corre in 34.07.

Nei concorsi l’argento dei Mondiali di Dubai 2019 Oney Tapia (Omero Bergamo) lancia a 41,95 nel disco F11, mentre il finalista iridato T64 Lorenzo Tonetto (Trionfo Ligure) si migliora rispetto agli Assoluti di Jesolo con una prova superiore ai 43 metri (43,76). Alle cerimonia di premiazione, oltre al Presidente federale Sandrino Porru, erano presenti anche il Presidente CIP Luca Pancalli, l’Assessore allo Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi del Comune di Roma Daniele Frongia e, in rappresentanza di Acea Spa Valeria Santarossa e Giovanni Airoldi.

Pin It on Pinterest

Shares
Share This